Prankster Comics – Casa Editrice

Conosci l’autore! #12 domande per: Renato Umberto Ruffino

Nuova rubrica! Un autore in dodici domande. Il primo a sottoporsi alla macchina della verità è il Barone Ruffino!
Buona lettura!

♣ Presentati ai lettori della Prankster Comics

Ciao a tutti, mi chiamo Renato Umberto Ruffino, anche conosciuto come il “Barone”.  Giornalista, Speaker radiofonico, fumatore di pipe e tante altre cose.
Sono il presidente e uno dei soci fondatori della Prankster Comics; sono anche lo sceneggiatore di Shadowplay e di Mistero.

♣ Quali sono i tuoi autori di riferimento nel mondo del fumetto?

Eisner, Hergè,  Pratt, Battaglia, Stan Sakai, Otomo, Tardì, Moore, Morrison,  Rubin, Raymond, McCay per citare i primi che mi vengono in mente.

♣ Come hai iniziato il tuo percorso artistico\fumettistico?

Quasi per caso. Dopo aver conosciuto Pierpaolo Pasquini ad una fiera, per la precisione a “Roma Comics”, abbiamo iniziato un sodalizio artistico che dura ancora oggi.

♣ Cosa ne pensi dei film/telefilm tratti dai fumetti?

Non li seguo con assiduità. Diciamo che sono dei “divertissement” per grandi e piccini. Un modo per passare del tempo in relax. Nella mia scala di valori artistici non raggiungono sicuramente la vetta.

♣ Preferisci il fumetto seriale, la Graphic Novel, oppure apprezzi entrambi?

Ultimamente trovo più stimolanti le Graphic Novel. Il seriale soprattuto nei prodotti USA tende troppo a ristagnare negli eventi, le variant cover e la sua ciclicità infinita. Purtroppo sono affezionato ai personaggi e quindi acquisto fumetti che poi delle volte neanche leggo.

♣ Qual’è il tuo romanzo/autore preferito?

Il mio romanzo preferito è “Ulisse” di Joyce.
Il mio autore preferito è Jack London

♣ Cosa stai leggendo in questo momento?

Tante cose, forse troppe. Un breve elenco comprende: Rimbaud, Keats, Yeats, D’annunzio, Baron Corvo, Bulgakov, Melville, Simenon, Capote e tanti altri. Mi tengo in allenamento ultimamente!

♣ Ascolti musica mentre lavori?

Non sempre. Ma quando l’ascolto opto per gruppi anni 80 come the Cure, Smiths, David Bowie, oppure Editors, Interpol, Costeau.

♣ Se dovessi scegliere una canzone?  Quale useresti per descriverti?

L’ultima Spiaggia di Franco Califano.
Purtroppo Califano è rimasto impresso nell’immaginario collettivo come un autore quasi comico o grottesco.  Nei suoi testi c’è tanta poesia. Io cerco di infondere nei miei fumetti un “pizzico” di quella poesia.

♣ Con quale autore sogni di lavorare? Perché?

Tra tutti direi Pratt.
Perché  è stato un rivoluzionario, ha inventato il concetto di “romanzo grafico” e i suoi personaggi sono riusciti a diventare delle icone immortali del fumetto.

♣ Qual’è il “capolavoro” o “must have” del fumetto che consiglieresti a tutti di leggere?

Corto Maltese. Un personaggio immortale, l’unico in grado di saper unire in maniera perfetta letteratura, fumetto e poesia.

♣ Descriviti con una frase, un aforisma o una citazione.

Una bella cosa è una gioia per sempre:
la sua bellezza aumenta e mai sparirà nel nulla
Cit. Keats


Alla prossima, con un altro autore Prankster!

Leave a Comment

  • Lorena Alessandra Urucu at 13:26

    You forgot to mention:”How much do I know about Frankenstein”. ;)