Prankster Comics – Casa Editrice

Conosci l’autore! #12 domande per: Giorgio Spalletta

Eccoci con Giorgio “Spadino” Spalletta e le sue #12 domande!
Buona lettura!

♣ Presentati ai lettori della Prankster Comics

Sono Giorgio Spalletta, sono nato e cresciuto ai Castelli Romani.
Sin da bambino ho sviluppato una certa passione per i fumetti e per il disegno. Oggi sono un fumettista, e fare fumetti è l’unico lavoro che riesco a fare con passione!!!

♣ Quali sono i tuoi autori di riferimento nel mondo del fumetto?

Nel corso del tempo sono stato influenzato da diversi artisti. Per quanto riguarda l’impostazione delle tavole sono stato molto influenzato da Rodolfo Torti (disegnatore di Martyn Mystere, Ian Karta e tanti altri) che è stato mio insegnante alla Scuola Comics, seguendomi per 3 anni e rimanendo in seguito uno dei miei principali punti di riferimento.
Adoro gli autori dal tratto sporco come Massimo Carnevale, Zaffino e Sean Gordon Murphy.
Ultimamente sono rimasto molto colpito dai disegni di Michael Lark, adoro il modo in cui bilancia i neri rendendo ogni vignetta estremamente semplice leggibile ed efficace.

♣ Come hai iniziato il tuo percorso artistico\fumettistico?

Ho frequentato la Scuola Internazionale di Comics, dove mi sono aggiudicato anche il master che mi ha permesso di pubblicare con la Kawama Editore la mia prima storia “Odio”, dove mi sono trovato anche a lavorare come sceneggiatore su soggetto di Roberto Dal Prà. Mentre stavo terminando il Master alla Scuola Comics ho collaborato ai disegni del numero 1 di Street Idols.

♣ Cosa ne pensi dei film/telefilm tratti dai fumetti?

Se ben fatti li apprezzo molto. Al momento sto seguendo “The Flash” (che commento in diretta su facebook per la gioia dei miei amici), “Arrow”, che alla prima stagione non gli avrei dato una lira, e ogni tanto guardo qualche episodio di “Agents of S.H.I.E.L.D.”. Mi incuriosisce molto Daredevil.
Per quanto riguardano i film la cosa è molto più difficile rispetto le serie tv; non seguendo una narrazione seriale, i personaggi vengono spesso reinventati. Sono cresciuto con i film di Batman diretti da Tim Burton, mi è piaciuto tantissimo il modo in cui Nolan è riuscito a reinventare il personaggio rimanendo comunque fedele all’originale.
I film degli Avengers mi sono piaciuti molto, ma il vero capolavoro della Marvel è senza dubbio “Guardiani della Galassia”.

♣ Preferisci il fumetto seriale, la Graphic Novel, oppure apprezzi entrambi?

Non faccio una distinzione, se una serie è fatta bene la apprezzo, se non mi appassiona la abbandono subito.
Lo stesso vale per le Graphic Novel, anche se solitamente trattando argomenti specifici, riesco a selezionare quelle che mi interessano maggiormente.
Molte serie a fumetti partono bene e finiscono male, ma spesso possono decollare lentamente e poi prendermi tantissimo.

♣ Qual’è il tuo romanzo/autore preferito?

Difficile a dirsi, credo sia Tolkien, il mio romanzo preferito “Il Signore Degli Anelli”, che insieme a Lo Hobbit è l’unico libro che ho letto più di una volta.
Ma mi piacciono moltissimo anche Chuck Palahniuk, Nick Orby e Bret Easton Ellis.

♣ Cosa stai leggendo in questo momento?

Ho una pila di cose da leggere sul comodino che tende sempre ad aumentare. Sto seguendo moltissime serie a fumetti: Dylan Dog, Batman, Orfani: Ringo, Gotham Central, Asterix e di recente ho iniziato qualche manga tipo VideogirlAI, Vagabond e Zetman.
In tutto ciò sono anche in una fase Horror, recentemente ho letto “L’Esorcista” di Blatty, e ora sto leggendo “Dracula” di Bram Stoker.

♣ Ascolti musica mentre lavori?

Ascolto continuamente musica, ma da un paio di anni a questa parte, mentre lavoro sono sempre sintonizzato su Radio Rock.

♣ Se dovessi scegliere una canzone?  Quale useresti per descriverti?

I Nani di Richard Benson.

♣ Con quale autore sogni di lavorare? Perché?

Un autore americano con cui mi piacerebbe lavorare è Mark Millar, adoro il modo con cui tratta i supereroi. È un autore iconoclasta, riesce a smontare e ribaltare i canoni classici del fumetto supereroi stico.
In Italia mi piacerebbe moltissimo lavorare con Roberto Recchioni e Alessandro Bilotta, sono due sceneggiatori che amano il fumetto, veramente consapevoli del lavoro che fanno.

♣ Qual’è il “capolavoro” o “must have” del fumetto che consiglieresti a tutti di leggere?

I fumetti da leggere assolutamente per fare questo lavoro sono 4: sicuramente Watchmen, il cavaliere oscuro di Frank Miller, sempre di Miller Devil Rinascita, che ha completamente riscritto il personaggio, rendendolo più estremo e noir; un fumetto italiano da leggere assolutamente è Ballata Del Mare Salato di Hugo Pratt, un classico, è “I Promessi Sposi” del fumetto!!!

♣ Descriviti con una frase, un aforisma o una citazione.

I nani i nani i nani i nani… Li avete visti?! Li avete visti sulle rive del fiume?!


Alla prossima, si chiude il ciclo con Valentina Testa!

Leave a Comment

  • No Comments

    No one has commented yet. You can add your comment by filling out the comment form.